Cerca

Sognare l'emozione

l'emozione è vita

Grigio, Giallo

Oggi è uno di quei giorni, hai presente quando guardi fuori e tutto è grigio, quando anche solo alzarti dal letto è faticoso, quando il grigio prende ogni cellula della tua esistenza e niente acquista un senso, ecco! Oggi è uno di quei giorni. È il giorno in cui il retrogusto di amaro rimane, il vuoto è vuoto e basta! Sarà che sono meteoropatica e oggi è uno di quei giorni.

È talmente grigio che dentro di me il pensiero di farmi un anno sabbatico e girare per il mondo lasciando tutto e tutti prende spazio..

Poi mi fermo un istante, girare per il mondo per cercare cosa? Non potrò mai fuggire da me stessa, io sono io, e aimè sono così il grigio prende piede. Ogni tanto, non sempre, di solito sono giallo, arancione, rosso amo ballare ridere e giocare, assaporare un buon sapore e vivere la vita. Eppure oggi sono grigia,. Quel grigio così intenso so che per fortuna mi porta a pensare al giallo e se penso al giallo mi viene un sorriso ancora velato ma so che anche nel grigio c è il giallo è in fondo.. Tra le ombre della giornata. Tra i momenti ti di vuoto che poi si sa il vuoto è pieno, pieno di spazio dove poter mettere qualsiasi cosa.

In fondo il grigio mi serve, scrivo spesso quando sono grigia, difficilmente quando il colore arriva scrivo, perché sono così proiettata nel pieno che non lascio spazio nel vuoto.. E dimentico di scrivere. Non che non abbia nulla da scrivere.. Ma dimentico.

In fondo questo grigio lo amo anche un po’ xke tutte le volte che si incontra Con il giallo del sole e fanno l amore beh li esce l arcobaleno e niente ha più valore!

MartulinaGas

Annunci

A me..

Dallo sguardo esterno sembra tutto così regolare, solo colui in grado di cogliere innumerevoli limitate contraddizioni è in grado di cogliere che qualcosa stona.

Apparentemente è tutto perfetto, che poi perfetto in realtà è veramente ogni istante presente. Apparentemente c è sintonia solo l occhio allenato è sensibile di grado di cogliere la distonia quel senso così profondo che tante volte si nasconde tra migliaia di impegni e ricerca costante.

Solo quando avviene qualcosa di tremendamente completo nella sua incolpetezza si coglie che il colore in realtà è grigio e la mancanza prende il posto, mancanza di cosa poi, bella domanda.

Credo sia la ricerca di quel senso di pace o completezza che la mia anima ha provato solo pochi istanti in questa vita. Mi manca qualcosa,. Forse no.. Eppure dentro li nello spazio nascosto del cuore continuo a cercare chissà cosa poi perché le ho provate tutte sai succede come se cercassi una soluzione a qualcosa,. Cose se volessi accelerare il processo e arrivare alla soluzione e poi a una volta arrivata li mi manca il processo.

Sarà che forse dovrei essere in grado di vivere il processo senza fretta, sentire Dio quanto mi fa paura sentire, stare davanti a me e sentirmi,. Lo cerco e lo temo perché poi non ci sono più scuse. E non ci sono soluzioni ci sono ricerca di Sé e mondi inesplorati presenti a te stessa.

Quindi ricerca cara, prova a goderti la ricerca vaga, perditi e stai..

Fa paura lo so, perché poi se crolli crolli e tutto si sgretola, ogni certezza si dissolve e se tu con te stessa e ti guardi e spesso non ti piaci oppure ti piaci troppo poco importa sai, il viaggio è uno e la felicità è tua.. Fai pace con te stessa mia cara. Sono certa che in fondo oltre alla tua mancanza,. Oltre alla sensazione di vuoto oltre alla paura.. Beh c è l amore. L amore verso di te..

Qualcuno di molto importante disse che l amore è donare all altro la propria mancanza e tu la tua la. Doni o la. Combatti? E poi la. Paura quella vera sai non è nient altro che il contrario Dell Amore. Quindi piantala e amati un po’ di più.. Così nei tuoi paradossi e anche quando ti prendi a schiaffi e quando inciampi su te stessa essi non sono nient altro che tentativi di amore verso di te.. Prova almeno a ricordartelo.

Martulinagas

Equilibrio instabile

A volte è dura, dura sul serio, spesso capita proprio il giorno dopo aver avuto quella sensazione di pace, succede quasi come se dopo essere stato in pace l inconscio decide di mettersi in allerta e accade qualcosa, un semplice nervosismo mattutino, uno sguardo che scopre che sei di nuovo punto e a capo, succede proprio così uno schiaffo veloce e potente ma neanche così inaspettato..
Succede come se non Sentissi di meritare questa sensazione..

COSA è cambiato negli anni?
La prospettiva, ora so che tutto ha un senso, che ogni cosa che non ho voglia di affrontare il magico universo La Riporta a me con più potenza, so che i giorni no sono positivi come quelli si è che tutto è benedetto..Che ogni volta s impara qualcosa e spesso tentiamo di mantenere un equilibrio instabile cercando di cambiare l equilibrio perfetto già presente.

Introspezione 


Incontro momenti interiori tra le mura domestiche.

Ascolto movimenti dell anima che si interroga sulla vita.

Assaporo momenti innumerevoli di intimità tra me stessa e la mia anima.

Indosso la mia pelle e il mio corpo nel tentativo di essere me stessa.

Così come mi viene!

MarutlinaGas

Giochi di ruolo, I ruoli in gioco

STORIA DI UN PROGETTO
ARCHETIPI E MASCHERE, UN RUOLO IN GIOCO, I GIOCHI DI RUOLO.
chi sono io?
tendenzialmente rispondiamo a questa domanda con degli aggettivi, delle etichette: sono una donna, sono una mamma, sono un educatrice, sono una moglie, sono una counslor, sono una persona libera, sono impegnata. Sono una persona materiale o sono una persona spirituale.
Andiamo così continuamene a CATEGORIZZARE tramite delle etichette preconfezionate il nostro modo di Agire e confondiamo il nostro RUOLO con la maschera, talvolta viviamo l’esperienza di separazione.
Quante volte ci capita di essere diversi in base al contesto in cui agiamo?
Così a seguito dell’aspettativa che crediamo che L’altro riversi su di noi AGIAMO un comportamento un modo di essere, INSOMMA giochiamo un ruolo.
Il ruolo lo giochiamo anche con il corpo, la maschera oltre che essere comportamentale si struttura su di noi e va da se che se vado in un ashram mi metto un vestito indiano, se vado in discoteca la minigonna e se sono in casa probabilmente la Tuta, norme imposte dall’ ettichetta, dal mondo formale che ci da struttura, ma se fosse possibile creare la nostra struttura interna, senza andar fuori, STARE NEL BUIO ESTERNO ed essere semplicemente sempre e solo noi, OLTRE.
IL PRIMO PASSO RICONOSCERE I RUOLI E I GIOCHI DI RUOLO CHE VIVIAMO IN QUANTO PERSONE, sappiamo già che la parola persona, vuol dire maschera e se questa maschera invece di essere cucita alle aspettative altrui rapresentasse noi o ALMENO SE noi fossimo consapevoli che in quel momento stiamo agendo una maschera, una parte di noi ma non siamo solo quello ma lo stiamo agendo. Sarebbe il primo passo verso l’autenticità.
L’esperienza di questi giorni, a partire dalla #cenanelbuoi con Stefania che ha “messo in luce ” nel buoi la mia essenza, l’esperienza con Amma che mi ha fatto vedere le stanze del mio appartamento PERSONA in cui ancor oggi mi sveglio e gioco ruoli diversi, mi ha fatto comprendere che Uso ancora molte maschere, ma pian piano queste si fanno riconoscere e i muri stanno cercando di trasformarsi in cartongesso, pian piano con costanza TUTTO DIVENTERà UNO..
i workshop su #archetipiemaschere hanno lo scopo di portarvi mondo in cui ho fatto esperienza e vi garantisco, quando si apre una finestra e si sente l’aria fresca nessuno vuol più sentire il caldo della maschera. Cosi vi racconto il perchè del progetto e mia auguro che presto possiate venir con noi a respirare aria fresca e vedervi così proprio come siete, senza essere qualcosa che gli ALTRI SI ASPETTANO.

Noi, Loro.

http://wp.me/p81Y2v-7N

Giochiamo? Ognuno aggiunge un pezzo a questo noi.. Con un messaggio di Unione e amore? 

Noi, Loro.

Noi che non vogliamo lo straniero ma siamo i primi a farci la guerra.

Noi che quando uno ha un posto migliore è perché ha rubato o certo è stato raccomandato.

Noi che se lei è più bella è sicuramente finta.

Noi che l occasione fa l uomo ladro.

Noi che se possiamo saltiamo la fila

Noi che quando c è una partita di pallone l altra squadra è il nemico da combattere.

Noi che conta solo l apparire

Noi che ci piace avere ogni cosa.

Noi che qualcuno muore e lo filmiamo con il telefonino.

Noi che vediamo una donna massacrata e.. Se l è cercata.

Noi che mio figlio è il migliore, guai professore.

Noi che se va bene è merito mio e se va male è colpa di tutti gli altri.

Noi che siamo i Giusti. Sapienti e depositari di cultura.

Noi che mangiamo tutti i giorni, dormiamo, ci laviamo, lavoriamo e ci lamentiamo.

Noi che non abbiamo diritto di dire nulla senza esser giudicati.

Noi che esser  Diversi ci spaventa e lottiamo per esser uguali,  a cosa poi?

Noi che ci prendiamo il diritto di dire no, tu non sei quel che sei e non puoi venire da Noi.

Noi che contiamo i disastri degli altri senza guardare i nostri.

Noi che l altro è sempre sbagliato perché così è più facile.

Noi che siam sempre meglio.

Noi che svegliamoci che se stiamo a veder le  Differenze il nemico è ovunque.

Noi che infondo non siamo ne noi ne loro.. Ma siamo tutti.

Noi che dal caos nasce la Vita.

Noi che dobbiamo imparare ad essere e a guardare nel cuore,

che poi Infondo il Cuore non ha colore né razza né ragione.

Batte, sempre, batte è irrora il corpo, funziona e da la vita..

Qualunque colore abbia la pelle che lo contiene.

Martulinagas@gmail.com.

 

 

 

 

Neve.. Continuo a pensare a te

In piena estate penso a quel rumore, difficile chiamarlo rumore preferisco chiamarlo suono, il più bello mai udito, quello della neve sotto i tuoi passi,  quello della neve quella candida è battuta, quella su cui nessuno è ancora passato, adoro cercare pezzi Intonsi e camminarci su, sentire il Candido rumore della neve e sprofondare un po

‘.. Per lasciare che altra neve cada e poter camminare in altri luoghi.. Magari già calpestati ma da un piede diverso con un peso diverso..

In altri momenti,  invece adoro sprofondarci nella neve.. Stare con lei finché non riesco a comprendere cosa sono io e cosa è lei, li mi congelo, mi mischio e mi lascio contagiare per osmosi.

Dicono che il ghiaccio sia custode dei sogni e entrando nella accogliente Madre Terra, nutre i terreni, li irradia di sogni e li trasferisce moltiplicandoli al resto del mondo.

Così in pieno agosto, cerco di camminare in terreni inesplorati, sprofondare nelle zone inedite Dell Anima..

Custode anche essa dei sogni.

MarrulinaGas

 

 

Dettagli irrilevanti ferma immagini costanti

Scatto sfuggente di dettaglio irrilevante. Spesso accade così, un dettaglio, semplice ed irrilevante per i più può  trasformare l attimo presente: uno sguardo, il modo in cui una mano carezza il viso e sposta una ciocca di capelli, il tono di voce. Un qualsiasi dettaglio è in grado di cambiare il corso del tempo presente.

Accade così,  sono i dettagli ad immortalarsi nelle immagini della mente, ognuno di essi crea  sensazione reale,  immaginata o percepita,  altri creano emozione.

L etimologia stessa della parola emozione porta a mio sentire una sofisticata energia di movimento.

Può essere brutale, forte, animale, sofisticato oppure lento e irradiante, ma pur sempre movimento, moto.

Ele continuava così un continuo soliloquio mentale, aveva fermato il secondo prima dello scatto come immagine e l emozione aveva permesso di circolare nelle più ampie e profonde sfere della propria anima.

Aveva bisogno di essere vista? Cercava nutrimento? Come mai stava permettendo a qualcuno di entrare nello spazio di se.  Non aveva alcun interesse nella apparire, essere strana permetteva ai più di confonderla tra la gente e talvolta amava essere un po’ invisibile

Amava la solitudine, godeva appieno della propria presenza e lo scambio di fatto poteva esser qualcosa di superfluo.

In un primo istante, il timore di scatenare qualcosa di incontrollabile  invadeva lo spazio della propria essenza, frastornata poteva solamente controllare la qualità della propria presenza, di per sé importante ma facilmente confondibile a tutti coloro che guardano la superficie.

Tutta colpa del dettaglio, il dettaglio della sciarpa le aveva impresso quello sguardo, aveva lasciato uno spiraglio di sguardo che mostra, una frazione di secondo aveva creato il corso Dell evento. Sperava che l occhio altrui non notasse il cambiamento, forse era solo superficie. Invece sorpresa avviene l inaspettato essere vista nella propria invisibile presenza costante.

Consapevole che i secondi di incontri animici sono incontrollabili non poteva far altro che perdere il controllo. Dire sì. Fermare l istante Dell immagine e  permettere  di cogliere la propria  essenza. Aveva già deciso, visto sentito, sfiorato, ascoltato. Avrebbe accolto prima di tutto se stessa. Creando quello spazio così ampio da diventare contenitore ed essere se oltre che qualcos’altro.

Un attimo, un mese un giorno irrilevante.

Ferma nel grembo accoglieva se stessa prima di ogni cosa e diceva si, senza neanche accorgersi di cosa.

Mesi dopo pronta nello spazio di se, traboccava di accoglienza, pronta a riversare se stessa traboccante nell altro. Unendosi a se, avvolgendo la scintilla e permettendo lei di trasmutare circolando libera nello spazio del ventre accogliente di Madre Terra.

Ferma immagine costante di energia pulsante di un dettaglio superficialmente irrilevante.

 

 

 

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑