Cerca

Sognare l'emozione

l'emozione è vita

Categoria

#storie

Noi, Loro.

Noi che non vogliamo lo straniero ma siamo i primi a farci la guerra.

Noi che quando uno ha un posto migliore è perché ha rubato o certo è stato raccomandato.

Noi che se lei è più bella è sicuramente finta.

Noi che l occasione fa l uomo ladro.

Noi che se possiamo saltiamo la fila

Noi che quando c è una partita di pallone l altra squadra è il nemico da combattere.

Noi che conta solo l apparire

Noi che ci piace avere ogni cosa.

Noi che qualcuno muore e lo filmiamo con il telefonino.

Noi che vediamo una donna massacrata e.. Se l è cercata.

Noi che mio figlio è il migliore, guai professore.

Noi che se va bene è merito mio e se va male è colpa di tutti gli altri.

Noi che siamo i Giusti. Sapienti e depositari di cultura.

Noi che mangiamo tutti i giorni, dormiamo, ci laviamo, lavoriamo e ci lamentiamo.

Noi che non abbiamo diritto di dire nulla senza esser giudicati.

Noi che esser  Diversi ci spaventa e lottiamo per esser uguali,  a cosa poi?

Noi che ci prendiamo il diritto di dire no, tu non sei quel che sei e non puoi venire da Noi.

Noi che contiamo i disastri degli altri senza guardare i nostri.

Noi che l altro è sempre sbagliato perché così è più facile.

Noi che siam sempre meglio.

Noi che svegliamoci che se stiamo a veder le  Differenze il nemico è ovunque.

Noi che infondo non siamo ne noi ne loro.. Ma siamo tutti.

Noi che dal caos nasce la Vita.

Noi che dobbiamo imparare ad essere e a guardare nel cuore,

che poi Infondo il Cuore non ha colore né razza né ragione.

Batte, sempre, batte è irrora il corpo, funziona e da la vita..

Qualunque colore abbia la pelle che lo contiene.

Martulinagas@gmail.com.

 

 

 

 

Annunci

Neve.. Continuo a pensare a te

In piena estate penso a quel rumore, difficile chiamarlo rumore preferisco chiamarlo suono, il più bello mai udito, quello della neve sotto i tuoi passi,  quello della neve quella candida è battuta, quella su cui nessuno è ancora passato, adoro cercare pezzi Intonsi e camminarci su, sentire il Candido rumore della neve e sprofondare un po

‘.. Per lasciare che altra neve cada e poter camminare in altri luoghi.. Magari già calpestati ma da un piede diverso con un peso diverso..

In altri momenti,  invece adoro sprofondarci nella neve.. Stare con lei finché non riesco a comprendere cosa sono io e cosa è lei, li mi congelo, mi mischio e mi lascio contagiare per osmosi.

Dicono che il ghiaccio sia custode dei sogni e entrando nella accogliente Madre Terra, nutre i terreni, li irradia di sogni e li trasferisce moltiplicandoli al resto del mondo.

Così in pieno agosto, cerco di camminare in terreni inesplorati, sprofondare nelle zone inedite Dell Anima..

Custode anche essa dei sogni.

MarrulinaGas

 

 

Dettagli irrilevanti ferma immagini costanti

Scatto sfuggente di dettaglio irrilevante. Spesso accade così, un dettaglio, semplice ed irrilevante per i più può  trasformare l attimo presente: uno sguardo, il modo in cui una mano carezza il viso e sposta una ciocca di capelli, il tono di voce. Un qualsiasi dettaglio è in grado di cambiare il corso del tempo presente.

Accade così,  sono i dettagli ad immortalarsi nelle immagini della mente, ognuno di essi crea  sensazione reale,  immaginata o percepita,  altri creano emozione.

L etimologia stessa della parola emozione porta a mio sentire una sofisticata energia di movimento.

Può essere brutale, forte, animale, sofisticato oppure lento e irradiante, ma pur sempre movimento, moto.

Ele continuava così un continuo soliloquio mentale, aveva fermato il secondo prima dello scatto come immagine e l emozione aveva permesso di circolare nelle più ampie e profonde sfere della propria anima.

Aveva bisogno di essere vista? Cercava nutrimento? Come mai stava permettendo a qualcuno di entrare nello spazio di se.  Non aveva alcun interesse nella apparire, essere strana permetteva ai più di confonderla tra la gente e talvolta amava essere un po’ invisibile

Amava la solitudine, godeva appieno della propria presenza e lo scambio di fatto poteva esser qualcosa di superfluo.

In un primo istante, il timore di scatenare qualcosa di incontrollabile  invadeva lo spazio della propria essenza, frastornata poteva solamente controllare la qualità della propria presenza, di per sé importante ma facilmente confondibile a tutti coloro che guardano la superficie.

Tutta colpa del dettaglio, il dettaglio della sciarpa le aveva impresso quello sguardo, aveva lasciato uno spiraglio di sguardo che mostra, una frazione di secondo aveva creato il corso Dell evento. Sperava che l occhio altrui non notasse il cambiamento, forse era solo superficie. Invece sorpresa avviene l inaspettato essere vista nella propria invisibile presenza costante.

Consapevole che i secondi di incontri animici sono incontrollabili non poteva far altro che perdere il controllo. Dire sì. Fermare l istante Dell immagine e  permettere  di cogliere la propria  essenza. Aveva già deciso, visto sentito, sfiorato, ascoltato. Avrebbe accolto prima di tutto se stessa. Creando quello spazio così ampio da diventare contenitore ed essere se oltre che qualcos’altro.

Un attimo, un mese un giorno irrilevante.

Ferma nel grembo accoglieva se stessa prima di ogni cosa e diceva si, senza neanche accorgersi di cosa.

Mesi dopo pronta nello spazio di se, traboccava di accoglienza, pronta a riversare se stessa traboccante nell altro. Unendosi a se, avvolgendo la scintilla e permettendo lei di trasmutare circolando libera nello spazio del ventre accogliente di Madre Terra.

Ferma immagine costante di energia pulsante di un dettaglio superficialmente irrilevante.

 

 

 

 

il vento

il vento:

dimostrazione tangibile dell’invisibile.

Dimostrazione palese dello spirito,

Muove e smuove ovunque e ogniUNo

eppur non si vede.

MartulinaGas

intrecciando..

Davanti allo specchio passava la mano tra i capelli.
La sensazione di crespo tra l’indice e il pollice era così famigliare ma allo stesso tempo nuova.
Procedeva a dividere la folta chioma color ora in due, quanto erano lunghi i fili che partivano dalla testa, qualcuno li paragonava alla paglia, altri pensavano che assomigliassero ai fili che ogni angelo lancia alle persone protette. Lei continuava a pensare che infondo erano solo capelli, un grande Maestro, le aveva insegnato che i capelli rappresentano la forza di ogni donna, talvolta ci credeva, altre volte dubitava.
Nella mente scorrevano i pensieri, sembrava che un film si presentasse davanti allo specchio, oltre all’immagine di se stessa la pellicola muoveva immagini impermanenti, non tangibili quasi come e fossero granelli di sabbia che spinti dallo spirito del vento creano immagini per poi disgregarsi e creare qualcosa di nuovo.
I capelli in fondo rappresentavano ogni aspetto di se stessa, ribelle, creatrice, crespa alla vista ma morbida al contatto, facile da acconciare così come da annodare e le trecce che era solita creare con i suoi capelli rappresentavano il tentativo maldestro di rendersi mansueta, stabile e ordinaria. Erano due, così come il mondo interno dilaniato dalla natura paradossale del suo essere: concreta, terrena, spirituale, egoisticamente altruista e dannatamente complicata e terribilmente cocciuta.
Le due trecce poi si univano al centro della nuca come per tentare l’unione di ogni aspetto di se, paradossalmente unico.
Un filo color argento iniziava a prendere posto tra le sue dita, il primo filo d’argento, simbolo forse della ricerca dell’equilibrio.
Forse, il Maestro aveva davvero ragione.

MartulinaGas

Anne, 36 ore fa.

 

Anne si ritrovava seduta accanto al posto del guidatore, stavano iniziando le ultime trentasei ore della sua vecchia vita, un sentimento impercettibile iniziava a crearsi dentro le sue viscere.
Sarebbe ritornata alle radici, le avrebbe risanate della linfa vitale, poi avrebbe intinso la sua esistenza con la Grazia dell Amore Divino del suo Gurudev.
Nulla sapeva di cosa sarebbe accaduto in quella fase della vita: avrebbe partorito nuovamente se stessa o forse no? La domanda continuava a tormentarle i pensieri.
Semplicemente avrebbe sperimentato la solitudine per qualche tempo, aveva timore, il timore della noia, troppe volte aveva lasciato che il sup benessere dipendesse dal riconoscimento dell altro, continuava però ad aver voglia di riempirsi le giornate di cose da fare o gente da incontrare, ma a fatica sembrava resistervi.
Assaporare l’emozione era la piu grande opportunità che le fosse mai accaduta.
Le ultime trentasei ore della vecchia vita erano costellate dal retrogusto di malinconia che riempiva il cuore.Consapevole che qualcosa si sarebbe trasformato, Anne assaggiava con lo sguardo ogni singolo istante presente nella piena fiducia di sempre.

MartulinaGas

entusiasmo..bambino e anche un po di-vino.

l entusiasmo travolgente che mi fa partir per la tangente
…credo che io sia capace di viaggiar con la mente e tornar proprio la
a giocar qua e la
tanti schianti all impicchiata
ho sempre preso da sbadata.
della vita mi innamoro
sopratutto nel gran volo.
quando finisco a testa in giu e vedo il mondo un po di piu.
piu brillante e affascinante con l amore dominante
il mio sogno fa volar e
l entusiasmo eccolo qua..
nella scrittura del qui e del li..
ed eccomi qui!
Nella scrittura del cuore
Spinta dal amore..
Che Entusiasma il cuore!

le prime rughe..

Noto le mie prime rughette intorno agli occhi, le rughette del sorriso, sono felice di averle perché ho sorriso molto e anche se la mia faccia è imperfetta la trovo perfettamente assonante con me stessa…quindi im-perfetta nella mia essenza…

torino se non mi fossi innamorata di te..

torino città magica

talvolta mi domando cosa sarebbe successo se non avessi scelto Torino come mia città di studio, se quella sera in cui ancora minorenne invece do tirar dritto in autostrada il mio ex fidanzato non avesse detto con la sua solita pazzia andiamo a Torino a fare una passeggiata, invece di andare al Jamaica, ricordo era una sera di Natale e oggi so di esser finita da via po a piazza san Carlo, ricordo di aver camminato sotto le luci di Natale e di essermi innamorata di te, città fantastica dalle mille sfumature…ho cosi scelto la mia via seguendo la via del mio cuore e dell’amore..

Blog su WordPress.com.

Su ↑